Seleziona una pagina

eventi e avvenimenti del suo tempo

Ada nella Storia

antifascismo

Osservata speciale

Ada Natali nasce e cresce in un ambiente antifascista. Il padre, socialista e sindaco di Massa Fermana dal 1920 al 1923, subisce un pestaggio degli squadristi e tutta la famiglia è costantemente controllata dalle autorità del regime. Nel 1926 il nome di Ada era inserito nell’elenco dei sovversivi di Massa Fermana e vi rimarrà per 11 anni. Un carteggio risalente al 1929 ci farà capire come avvenivano gli scambi di informazioni. Il questore di Macerata chiedeva notizie a quello di Ascoli Piceno, poiché in quella provincia (precisamente a Roccafluvione) Ada era stata trasferita d’autorità per ragioni politiche. Il questore di Ascoli rispondeva descrivendola come “una propagandista socialista e militante nel partito comunista che fino al 1925 aveva sempre svolto una attiva propaganda antinazionale”. Tuttavia, le riconosce “un’ottima condotta morale”.

SECONDA GUERRA MONDIALE

Ada partigiana

Poco prima dell’armistizio di Cassibile Ada Natali aderì alla banda del comandante partigiano Decio Filipponi, il quale operò nel territorio ascolano e maceratese fino alla sua cattura e impiccagione a Piobbico nel marzo 1944. Ada militò come “gregaria” dal novembre 1943 al giugno 1944. Sappiamo dalle sue memorie che in questo periodo si occupò di fornire indicazioni, medicare feriti, aiutare giovani disertori dell’esercito italiano e fuggiaschi di ogni nazionalità. Ottenne così la croce al merito di guerra da parte dell’Esercito Italiano.

IMPEGNO POLITICO

Ada natali, prima Sindaca d’Italia

Dopo la laurea in Giurisprudenza e la Liberazione delle Marche, Ada si candida con la lista della Spiga (che raggruppava socialisti e comunisti) per le elezioni amministrative del comune di Massa Fermana e viene eletta sindaco (31 marzo 1946). Tra i provvedimenti di maggior rilievo per la sua comunità si ricorda l’istituzione delle colonie elioterapiche montane per i bambini dai 6 ai 12 anni (con agevolazioni per i più poveri). Ada rivolge particolare attenzione alle esigenze alimentari dei bambini. Si occupa anche della costruzione di nuovi impianti elettrici, di case popolari e di illuminazione pubblica, progettando anche la tipologia di lampade da utilizzare.

DEPUTATA

Attività parlamentare

Nel 1948 Ada viene eletta deputata della prima legislatura nella lista del Partito Comunista Italiano a guida di Palmiro Togliatti. Lavora a fianco di Nilde Iotti e Camilla Ravera e fa parte di numerose commissioni tra cui Affari Interni, Giustizia, Istruzione e Belle Arti. Farà anche parte di una delle prime delegazioni che si recarono in Russia per stabilire gli iniziali rapporti istituzionali con il Partito Comunista dell’Unione Sovietica e nel 1953 verrà inviata a prender parte alla campagna elettorale in Sicilia. Il suo mandato termina nel giugno del 1953.

Le istituzioni

Attività sindacale

Terminata l’attività parlamentare, torna ad occuparsi del suo territorio e prende parte alle lotte operaie delle fabbriche di cappelli del territorio fermano (Massa Fermana e Montappone). Si adopera per l’ottenimento di contratti collettivi di lavoro e sostiene anche finanziariamente i lavoratori e le lavoratrici della paglia. Nel 1957 viene eletta Presidente del CdA della Cooperativa Cappellificio Piceno. Essendo ancora sindaco, prende decisioni impopolari per sostenere la causa operaia che la portano ad essere denunciata e processata. Sarà sempre assolta con formula piena.

Religione

Impegno e fede

Nelle sue “Memorie” del 1944 Ada scrive – “I miei avversari mi hanno classificata socialista, comunista, sovversiva pericolosa per più nuocermi ma, in realtà, non fui iscritta ad alcun partito politico. Semplicemente fui e sono una coscienza dritta e fiera per la quale Giustizia e Libertà non sono parole vuote ma norme di vita.” Ada era anche una cattolica praticante e conservò sempre i rapporti con il clero locale, con i Sacramenti e con il Santuario del Santissimo Crocifisso di Mogliano, al quale devolvette consistenti contributi.

Massa Fermana

Ada Natali

Prima Sindaca d’Italia